L’insegnante si difende: “feci sesso con l’allievo quando aveva 14 anni”

Ha “spostato” l’inizio della loro relazione quando il ragazzino aveva già compiuto 14 anni la 31enne di Prato agli arresti domiciliari per la violenza sessuale sul minore da cui ha avuto anche un figlio.

Durante l’interrogatorio di garanzia con il gip, la donna ha fornito una versione dei fatti che però al momento non la mette al riparo dalle accuse mosse dalla procura nei suoi confronti visto che, essendo stata equiparata ad un’insegnante, ciò implica un innalzamento a sedici anni della soglia del consenso da parte della ‘vittima’.

Pubblicità

Al termine del lungo interrogatorio, i legali della donna non hanno tuttavia chiesto la revoca della misura emessa lo scorso 25 marzo. Lo faranno con un ricorso al tribunale del riesame di Firenze, che sarà discusso nei prossimi giorni.
Anche i pm vanno avanti con la loro indagine: il prossimo passaggio dovrebbe essere l’incidente probatorio per “congelare” il racconto del ragazzino, oggi 15enne.