Un 14enne dice di essere stato tenuto prigioniero per 7 anni da due uomini

Si è presentato dalla polizia del Kentucky e ha dichiarato di essersi liberato dopo sette anni di prigionia: è la storia del 14enne che si è identificato come Timmothy Pitzen, rapito nel 2011 nell’Illinois. Lo riportano i media americani.

Agli agenti della contea di Campbell il ragazzo ha raccontato di essere stato trattenuto da due uomini con fisici palestrati in un Red Roof Inn – un motel – nell’area di Cincinnati. L’identità e il racconto restano ancora da confermare.

Secondo il Centro nazionale dei bambini scomparsi, Pitzen fu visto l’ultima volta con sua madre nel maggio 2011 in un parco acquatico del Wisconsin. Prima della scomparsa, madre e figlio avevano fatto un viaggio di oltre 800 chilometri in due giorni. La donna venne poi trovata morta in un motel dell’Illinois: nella stanza era stato lasciato un biglietto che diceva che suo figlio “era al sicuro con le persone che lo avrebbero amato e protetto”, ha riferito la Cnn.

La nonna di Pitzen, Alana Anderson, ha detto a una affiliata di Abc News di sperare che l’adolescente sia davvero il suo nipote scomparso. “Sono molto fiduciosa che sia lui, che stia bene e che sia stato in un buon posto quando se n’era andato e che tornerà da noi”, ha affermato la donna.